Nadir

Oltre la linea obliqua del mio sguardo
non il nulla
non la fine
una curva senza nome che s’avvolge di segreto.